Il problemi da risolvere a San Giacomo: sporcizia intollerabile, occasioni di socialità e servizi

I sangiacomini denunciano la sporcizia del loro rione, sempre più intollerabile, a causa dell’incuranza dei servizi di Acegas e, talvolta, per responsabilità degli stessi abitanti. Priorità quasi identica come numero di segnalazioni ce l’ha la denuncia del degrado sociale del rione. Altre tre emergenze attanagliano poi San Giacomo: il traffico di passaggio che ammorba e svilisce la vita nel rione, la mancanza di spazi verdi e la mancanza di parcheggi per i residenti.

Sono questi i temi più ricorrenti nelle risposte di chi abita a San Giacomo, interrogati dai questionari ‘Tra La Gente’, ovvero una campagna promossa dal Pd a novembre per costruire il programma partecipato per il Sindaco di Trieste 2011. Ai questionari hanno risposto in tutta la città 2.200 persone tramite i questionari online e i banchetti nelle strade e nelle vie di Trieste dove venivano fatti compilare i questionari cartacei. Nel frattempo possiamo segnalare che il candidato Sindaco Roberto Cosolini si sta facendo carico delle voci di questi triestini e domani, sabato 5 febbraio, sarà a San Giacomo per discutere coi cittadini dei problemi del rione e della città (vai sul sito ufficiale di Cosolini o sulla pagina Facebook di Cosolini).

Entriamo nel dettaglio del programma partecipato suggerito da chi vive a San Giacomo per questo stesso rione. I problemi principali da risolvere per loro sono:

1) Sporcizia diffusa
L’incuria e la manutenzione degli ambienti rionali è un problema segnalato da gran parte dei rispondenti. Le responsabilità sono individuate sia nei servizi comunali di pulizia, gestiti da Acegas, ma anche nella «mancanza di civiltà» di alcuni abitanti. Questi sarebbero colpevoli della «dilagante presenza di deiezioni canine». Un cittadino, non isolato, scrive: «Molti cittadini lasciano per strada vecchi mobili, elettrodomestici ecc… ci vorrebbe un maggior controllo anche con le video camere. Le strade, inoltre, non vengono lavate, si aspetta la pioggia!! Perché?».
Alcuni cittadini chiedono anche un aumento della raccolta differenziata dei rifiuti e di obbligare i commercianti e i gestori di locali a tenere pulita meglio l’area antistante il proprio esercizio.

2) Mancanza di luoghi di aggregazione e servizi sociali
Molti abitanti di San Giacomo segnalano la mancanza di «spazi di socialità» e le crescenti «solitudini». Questo problema riguarderebbe sia gli anziani, sempre più poveri e soli nei propri domicili, ma anche i giovani, che non hanno grandi luoghi di ritrovo a parte il ricreatorio Pitteri e la biblioteca Quarantotti Gambini – che qualcuno chiede di potenziare. Più di un cittadino segnala il livello degli affitti delle case popolari Ater, troppo alto.

3) Traffico di passaggio: troppe auto!
Scrive un sangiacomino: «ci sono troppe auto che continuamente scendono in città durante il giorno [passando per San Giacomo], provocando ingorghi ed inquinamento». La via più martoriata è la Molino a Vento. Un altro abitante del rione scrive che bisognerebbe «istituire due rotonde all’incrocio sia della via dell’Istria sia della via Molino a Vento» e poi segnala i problemi di traffico in Via del Veltro e di pericolosità dell’incrocio tra Veltro e «strada per Fiume».

4) Verde pubblico che non c’è
Per molti, a San Giacomo c’è una «mancanza di verde curato e giardinetti con belle aiuole», che diano «un po’ di colore». Certa vegetazione di proprietà del Comune sarebbe «abbandonata da 5 anni».

5) Pochi parcheggi
In particolare i cittadini segnalano le soste selvagge nel rione e la mancanza di parcheggi vicino al Burlo.

Oltre a queste cinque priorità, i sangiacomini hanno mandato diverse altre segnalazioni sui problemi da risolvere nel loro rione. Tra queste ricordiamo le necessità di:
– creare nuove piste per le bici che potenzino quella che già taglia il rione verso la Slovenia.
– aumentare la frequenza dei bus
– promuovere l’integrazione con gli immigrati
– vegliare sulla microcriminalità, che parrebbe in aumento
– porre un rimedio al problema dell’inquinamento dato dalla Ferriera, che si fa sentire anche a San Giacomo

Abbiamo selezionato una frase più significativa tra quelle pervenuteci dai sangiacomini sui problemi del loro rione:

«Ogni giorno, specialmente nelle ore di punta, si dirigono in città un fiume di auto, quasi sempre con una persona a bordo. Spesso si verificano incidenti, anche gravi. Il traffico è caotico, anche per i parcheggi selvaggi che mancano lungo detta direttrice. Il Comune dovrebbe:
1. fare strade di accesso al centro alternative;
2. creare dei parcheggi sulla ex camionale (via Brigata Casale) e sulla via Carnaro;
3. non far entrare in centro, per le vie Molino a Vento, viale D’Annunzio, auto con una sola persona adulta a bordo. Detti parcheggi dovrebbero essere collegati con navette ogni 10 minuti nelle ore di punta»

Link permanente a Il problemi da risolvere a San Giacomo: sporcizia intollerabile, occasioni di socialità e servizi

4 risposte a Il problemi da risolvere a San Giacomo: sporcizia intollerabile, occasioni di socialità e servizi

  1. Pingback: La denuncia di Tra La Gente: Barriera Vecchia è una “giungla urbana” | Bora.La - notizie e opinioni su Trieste, Gorizia e el Litoràl Adriatico

  2. Pingback: Roberto Cosolini a SAN GIACOMO e BARRIERA | Luca Marsi

  3. Pingback: A Roiàn e Scorcola: emergenza parcheggi! | Tra la gente

  4. Pingback: Opicina e Banne: la voce ‘Tra La Gente’ è stop al cemento! E meno auto, grazie | Tra la gente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *